Cinghiale
torna alla home page
 ← la fauna...Gli abitanti del Parco...

 Il Cinghiale può raggiungere dimensioni ragguardevoli; altezza (alla spalla), fino a 80 cm, lungo anche 1 metro e mezzo, e può raggiungere il peso di 180 kg. Vive in media circa venti anni, ma è da sempre oggetto di caccia da parte dell'uomo.

 La sua vista è poco acuta, ma in compenso l'olfatto e l'udito sono molto sviluppati; grazie alla sua struttura corporea, e alla spessa pelle rivestita di setole che lo protegge, può penetrare nelle macchie più fitte del bosco dove altri animali non passano.

 Le femmine e i piccoli vivono in branchi, mentre i maschi sono solitari; è onnivoro, scava col grugno nel terreno alla ricerca di tuberi, radici, ghiande, insetti, larve e lombrichi, ma si ciba anche di uova di uccelli e piccoli mammiferi.
È solito, trovato uno stagno od una pozzanghera, rotolarsi a lungo nel fango per liberarsi dai parassiti.

 Dopo una gestazione di quasi cinque mesi, la femmina partorisce 3/12 piccoli che sono in grado di nutrirsi da soli dopo appena 15 giorni.
I piccoli presentano una caratteristica livrea a righe longitudinali che li aiuta a mimetizzarsi nella boscaglia.

Ascoltalo : Ascolta il Cinghiale...(attendere alcuni secondi per il caricamento del file)

______________________________

Settembre 2005 :

 Il cinghiale finora era segnalato solo in alcune zone limitrofe alla Valgrande, come ad esempio nei dintorni di Vogogna e di Premosello.
 Ma ora la sua presenza è segnalata anche all'interno del Parco, ad esempio negli alpeggi di Vald e Straolgio; a fine settembre ho visto anche in Valrossa presso l'alpe Aveu, gli inequivocabili segni sul terreno che segnalano la loro presenza....
Inoltre nel mese di giugno 2005 ho trovato (vedi foto sopra), un piccolo di cinghiale (morto),all'inizio della Val Manau...

 Si sta ripetendo quanto già accaduto varie volte in passato nella provincia di Novara e nel VCO (ma probabilmente anche in altre zone), quando questi animali sono stati intenzionalmente "liberati" (con i conseguenti notevoli danni economici all'agricoltura), per poterli in seguito cacciare; (la possibilità di deroga al divieto di caccia è già stata presa in considerazione dell'amministrazione del parco, quale soluzione estrema.....).


 
in Valgrande - (E-mail)   Home Page →