in Valgrande

 

Da I Curt a Ludo Alboc...
torna alla home page
  ← il versante Ossolano...
 Ritorno nel canale del Rio del Ponte (che viene traversato dalla stradina che da Colloro sale agli alpeggi sottostanti la Colma di Premosello), il rio che traversa Premosello Chiovenda.

 Questa volta alla ricerca di un vecchio sentiero che permetteva il collegamento tra le baite de I Curt e la solitaria ed appartata Alpe Ludo Alboc; ho trovato solamente alcuni resti di muretti che testimoniano la presenza di questo percorso, i versanti franosi e la crescita di una fitta vegetazione hanno cancellato ogni traccia...

 Il percorso fino al canale si sviluppa in un fitto noccioleto (tipico di questa zona), e a tratti ci si trova anche circondati dai rovi, il che rende la traversata veramente disagevole... ma arrivato nel canale, camminando sulla neve caduta dai fianchi della montagna, ci si trova in un bell'anfiteatro circondato da pareti verticali, e valeva la pena di "soffrire" un po' per giungere fin qui...

   Percorso impegnativo (Avvertenze...)


 Da Premosello si sale a Colloro, poi superato il Rio del Ponte, si segue il sentiero sulla sinistra (cartelli) che sale alla dorsale de I Curt 963 m. qui si lascia il sentiero segnalato e si traversano i prati sulla sinistra per portarsi alle baite [foto 1, non visibili dal sentiero principale] affacciate sul canale, si traversa il fianco del versante seguendo all'inizio il percorso del vecchio sentiero che poi scendeva a In Vall.

 Giunti alle giavine [foto 4], si continua la traversata cercando i passaggi migliori tra il fitto boschetto di noccioli; si traversano due canalini e giunti sotto le rocce si cerca il passaggio [foto 6] che permette di salire al pendio boscoso superiore [vedi foto 46], questo punto è chiamato localmente la Scarpia...

 Il percorso continua sempre in traversata nel noccioleto (qui iniziano anche i rovi...), vicini alle rocce successive, si inizia a scendere (qui almeno i noccioli sono di un qualche aiuto, perché ci si può aggrappare...); non scendere direttamente sul fondo del canale, ma cercare un passaggio sulla destra (in questa occasione seguendo tracce fresche di passaggio di animali), che sale leggermente a superare uno speroncino secondario, e poi finalmente si scende [foto 10] nel canale del Rio del Ponte a circa 1000 m. di quota.

 Si risale il largo canale tra enormi massi, anche qui si vedono resti di muretti, e l'ultimo masso [foto 15 e 16] forma una piccola balma che sembra sia stata utilizzata in passato come riparo, poco dopo inizia il tratto sulla neve pressata delle slavine cadute dai fianchi della montagna.

 Nella neve spicca una sorta di "isolotto" coperto di terriccio, si tratta di neve di colore grigiastro e molto dura risalente all'inverno precedente e che, nonostante si trovi a poco più di mille metri di quota, è rimasta intatta...

 Se possibile, sarà interessante ritornare tra un anno, e vedere se questo blocco sarà riuscito a "superare" anche una seconda estate...

 Dopo una visita alla bella cascata che scende dal versante sotto al Pizzo delle Pecore, ridisceso nel canale, ci si porta sulla destra (ovest), verso il pendio nevoso [foto 23 e 29] che permette l'accesso (la neve in questa occasione ha facilitato la salita iniziale), al versante che sale verso Ludo Alboc 1278 m. che si raggiunge velocemente seguendo tracce di passaggio di animali.

 Sempre bello visitare questo sperduto alpeggio posto sul bordo dei precipizi sul canale del Rio del Ponte (scendendo sui prati poggiando a destra [foto 34], si può vedere bene il percorso seguito all'andata).

 Dai ruderi di Ludo Alboc, si sale cercando i tagli col falcetto (in questo primo tratto, il percorso può essere poco evidente), e poi si traversa passando dai ruderi dell'Alpe Bèula ca. 1310 m. giungendo poi sullo sperone panoramico [foto 39, qui si vede un croce incisa sulla roccia che sembra di fattura relativamente recente] dove il vecchio sentiero traversa in discesa questo versante caratterizzato da tratti con vegetazione alternati a salti di roccia; si passano un paio di canalini e infine si entra nel noccioleto dove un evidente sentiero porta ai prati dell'Alpe Ludo Termine superiore 899 m.

 Si ritorna a Premosello seguendo il sentiero che prima traversa verso Sasso Termine, e poi scende a San Bernardo e a Colloro.


vai alle immagini →  
 

 Foto e testi © www.in-valgrande.it (E-mail)
Home Page    Torna alla home page
 
nel canale del Rio del Ponte...