in Valgrande
Pedum e dintorni...
torna alla home page
    Pedum e dintorni...

Pedum 2111 m.





 Il Pedum, la montagna "simbolo" della Valgrande, è una cima "diversa" dalla altre  presenti nel Parco, possiede un fascino particolare... e anche esteticamente è differente.

  La frequentata via normale di salita dal versante nord-est non presenta difficoltà, si può salire la cima in giornata, ma anche comodamente in due giorni vista la presenza del bivacco alla Bocchetta di Campo.

  Dalla parte opposta il versante sud e ovest si affaccia, in un dedalo di creste e canalini ripidi, sul "cuore" della Val Grande, l'area che scende verso il torrente San Bernardino e l' Arca. Qui si trova uno dei luoghi "mitici" della Val Grande, la Val Cavrì.

 Il suo aspetto cambia a seconda del punto di osservazione, e guardandolo da differenti prospettive, si scopre la presenza di ben otto cime distinte.

 Oltre alla Cima Pedum (la principale), la Cima Centrale e la Cima Est, sono presenti altre cinque cime ben distinguibili, per le quali si è utilizzato il nome dato loro da Ivan Guerini, che negli anni 70 ha "esplorato" ed arrampicato su alcune cime della Valgrande, tra cui il Pedum.

 (Raro esempio di come sia stato possibile coniugare l'arrampicata con l' "esplorazione" e l'avventura nell'ambiente selvaggio della Valgrande).

 

 Salendo il sentiero che porta alla vetta principale, arrivati all'intaglio dove inizia il breve tratto in discesa, sulla destra si trova la Cima Oscura, forse la meno appariscente tra le cime del Pedum, ma guardandola da nord, si propone ben più imponente.

 A sinistra invece si incontra la Cima Est e, successivamente, il Bastione del Pedum, facilmente raggiungibili seguendo tracce di camosci sulla sinistra.

 Proseguendo sul sentiero, arrivati a un altro intaglio, si lascia a sinistra la Cima centrale, mentre si vede verso sud la cima forse più bella, il Picco del Pedum, unito da una breve dorsale erbosa alla Torre Liquefatta; una profonda spaccatura le separa dalla cima principale, infine a nord-ovest la Torre della Desolazione, raggiungibile dalla vetta senza difficoltà.

 Il versante nord-est è l'unico che si può salire agevolmente, gli altri lati della montagna presentano pareti rocciose verticali accessibili solo con passaggi di arrampicata impegnativi.



Bibliografia :

Ivan Guerini

ValGrande
mondo segreto di rocce e piante

Alberti

Foto e testi © www.in-valgrande.it (E-mail)