in Valgrande
Pizzo Pernice e dintorni...
torna alla home page
  ← in inverno...


 La dorsale che dalla Colma di Cossogno prosegue in direzione nord verso il Pizzo Pernice, il Pian Cavallone e il Monte Todano, si può visitare anche in inverno senza (solitamente...), incontrare difficoltà.

 In particolare il Pizzo Pernice è una delle cime più frequentemente visitate anche in presenza di neve, e se si ha la fortuna di trovare una giornata limpida, si può godere di un notevole panorama verso la Val Pogallo e la Valle Intrasca.

 Sono percorsi frequentati, e solitamente anche in presenza di neve si trova una buona pista battuta, così per lunghi tratti si può anche camminare senza usare le racchette da neve...


 


 In inverno (se la neve è presente), salendo da Miazzina non si arriva in auto alla Cappella Fina; si parte allora dall'Alpe Pala, oppure si lascia l'auto ad uno degli slarghi lungo la stradina che sale verso il Memoriale degli Alpini.

 Dalla Cappella Fina si può seguire il percorso del sentiero che sale verso l'Alpe Cavallotti, oppure, come in questa occasione, lo si percorre in discesa salendo invece lungo la via che traversa il fianco della montagna passando dalla Fontana Zanni e dal Sass Fuiusa.

 Arrivati sulla dorsale che guarda verso la Val Pogallo e le cime della Valgrande, prima di salire al Pernice si può fare una visita al bel Bivacco di Curgei, luogo molto frequentato anche in inverno visto il facile accesso e l'assenza di pericoli.

 Ritornati alla dorsale si sale al Pizzo Pernice 1506 m. e si prosegue in direzione sud; poi si scende su terreno un pò ripido entrando nel bosco, dopo un traverso sul fianco della Testa di Cremisello, si arriva all'Alpe Cavallotti da dove si ritorna alla Cappella Fina.

 Prima di ritornare all'auto, vale la pena di fare una visita al Memoriale degli Alpini.


vai alle immagini →  
 Foto e testi © www.in-valgrande.it (E-mail)


Curgei in inverno...